Year: 2016

Tour in Marocco: i tappeti berberi

Posted By : Omar Mbirek/ 666 0

Cosa fare se si desidera acquistare un tappeto in Marocco? O (più probabilmente) si entra in un negozio di un suk senza intenzione di acquistare, ma è probabile che ci si innamori di un tappeto berbero. Non c’è bisogno di una guida, bastano semplicemente il proprio gusto e il budget.
Tuttavia, per chi ha tempo e voglia, ecco una breve guida sui tappeti berberi del Marocco.
Esistono circa quarantacinque diversi gruppi tribali, ognuno dei quali ha un disegno distintivo e, a volte, diversi stili di tessitura e di ricamo. Due sono i più famosi stili di disegno tribale: quello del Zemmour e quello del Zaiane.
I tappeti Zemmour moderni sono riconoscibili dal lavoro di progettazione intricato nel ricamo. In un vecchio Zemmour il lavoro è molto meno complesso.
Quando un Zemmour viene collocato accanto a un tappeto Zaiane, la differenza è subito evidente: il Zaiane ha losanghe molto distintive nella progettazione.
I tappeti Zaiane provengono per la maggior parte dal sud del Medio Atlante, i tappeti Zemmour non sono più prodotti, quindi, se vi imbattete in un tappeto Zaiane è probabile che sia antico; uno “nuovo” potrebbe essere un falso!
Uno stile nettamente diverso è quello di Beni Ouarain. Beni Ouarain è un’ importante tribù berbera e proviene dalla regione del Medio Atlante. Questa tribù berbera utilizza “lana dal vivo” – cioè lana di tosatura di una pecora, piuttosto che preso da una pelle di pecora, dopo che la pecora è stata uccisa. La caratteristica principale di un tappeto Beni Ouarain è la lana morbida e folta. Questo li rende molto confortevoli sotto i piedi e sono molto ricercati per l’uso in inverno.

Un altro esempio di tappeto in pura lana 100% è il Marmoucha. Questa tribù è dalla regione vicino al Sahara nella parte settentrionale del Marocco e si trova vicino alla frontiera con l’Algeria. Anche questo è un tappeto con una “shaggy pile”, cioè lana folta e morbida, alta.
Da dove proviene la lana? La lana proviene dalla tosatura della pecora viva. Il cotone per il ricamo viene dal Marocco, Australia, Nuova Zelanda, Spagna. La lana marocchina è al 100% come la seta, ma i colori sono un po’ “sporchi” a confronto.
Come sono quindi i colori? Il rosso è come il fiore del papavero; l’arancio o giallo è come lo zafferano; il bianco è come la fibra naturale; il blue è indaco, da ricordare che il Marocco ha uno dei pochi coloranti indaco naturale del mondo.
Alcuni dei tappeti moderni usano coloranti sintetici, ma questi non sono i tappeti tradizionali, che vengono invece trattati con coloranti naturali.

Scrivici per disegnare il viaggio che desideri

nomadexperienceit@gmail.com

Tour nel deserto del Marocco: la rosa del deserto

Posted By : Omar Mbirek/ 740 0

Uno splendido e curioso capriccio della natura.

Quando si parla di fiori immaginiamo sempre un gambo con attaccati petali di varie forme e colori, in questo caso invece no: la rosa del deserto o rosa di Jericho nonostante il suo nome floreale non ha nulla a che fare con il fiore per antonomasia.

E’ un fiore che né fiorisce, né appassisce, ma anch’esso ha bisogno dell’acqua.

E’ un cristallo, un minerale che nasce dalla sabbia del deserto del Sahara. Si tratta di un insieme di cristalli di gesso che si forma solo in condizioni climatiche e ambientali particolari.

Per la creazione di questa singolare formazione rocciosa è fondamentale la presenza di una vena di gesso umido, sotto la coltre di sabbia, ad una profondità che varia tra decine di centimetri a un metro ed è fondamentale un clima arido. Durante questo processo si innesca il fenomeno della cristallizzazione dando origine alla tipica rosa di sabbia. Il forte sole riscalda la superficie sabbiosa ed il forte calore penetra sino a raggiungere la vena di gesso umido favorendone l’evaporazione. I bacini desertici circondati da rilievi dai quali scendono torrenti alimentati da rare piogge, i tratti di mare rimasti isolati o i bacini lacustri senza emissari sono le situazioni ideali per favorire l’accumulo di gesso che precipita per evaporazione delle acque in cui è disciolto.

Le dimensioni di questi aggregati cristallini sono molto variabili, da pochi centimetri fino ad alcuni metri, e la colorazione giallastra è dovuta alla presenza dei granuli di sabbia all’interno della struttura del cristallo.

Può essere un regalo particolare da un viaggio in Marocco. Per conservarla sarà sufficiente, per fare aprire la pianta, immergerla in acqua leggermente tiepida e poi tenerla su un piatto fondo, avendo cura che la pianta sia sempre a contatto dell’acqua.

E’ stata importata in Europa nel medioevo, nei viaggi di ritorno dei crociati e pellegrini dalla Terra Santa, e con lei sono state importate anche numerosi racconti e miti.

Vuole infatti la leggenda che La Vergine Maria, in fuga da Nazareth, si dissetò con l’acqua della rosa di Jericho, e per gratitudine le diede la Sua benedizione, rendendo la pianta immortale ed eterna: per questo viene anche chiamata pianta della “resurrezione”.

Una leggenda vuole che la formazione di questo cristallo fosse dovuta al deposito dell’urina dei dromedari a contatto con la sabbia rossa.

Un’altra leggenda racconta di un cavalliere innamorato della sua meravigliosa principessa. Il suo amore era così forte e disperato da non riuscire a sopportare di non poter stare senza di lei; così il suo cuore scoppiò e quando le gocce di sangue toccarono la sabbia si trasformarono in rose del deserto.

Ancora oggi il fantasma del cavaliere ritorna ad ogni plenilunio e vaga sanguinante, disseminando nel deserto le rose.

Tour in Marocco durante il Ramadan: il Chebakia

Posted By : Omar Mbirek/ 600 0

Se state facendo un tour in Marocco durante il Ramadan non dimenticatevi di assaggiare il tipico dolce del periodo: il Chebakia, un dolce servito anche nelle occasioni speciali.

E’ un biscotto di sesamo, con pasta fritta e poi immersa nel miele caldo aromatizzato con acqua di fiori d’arancio.

Ecco la ricetta tradizionale.

Ingredienti:
– 500 gr di farina
– 100 gr di “farina” di mandorle
– Sesamo (100 gr per l’impasto e 50 gr da cospargere sopra)
– 20 gr semi d’anice
– 1/2 cucchiaino di gomma arabica frullato con pochissimo zucchero
– 2 cucchiai di cannella in polvere
– una dose di zafferano puro diluito in poca acqua di fiori d’arancio
– 1 presa di sale
– 1/2 bicchiere d’olio
– 1/2 bicchiere di burro fuso
– 1/2 cucchiaio di lievito di birra
– acqua di fiori d’arancio quanto basta per impastare

In una piccola ciotola, mescolare 1/2 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio con un pizzico di zafferano. Lasciare riposare per qualche minuto prima di utilizzarla.
In un’altra piccola ciotola, mescolare ½ cucchiaio di lievito secco, ½ cucchiaino di zucchero e un po ‘di acqua tiepida. Lasciare riposare per qualche minuto prima di utilizzarla.

I semi di sesamo devono essere tostati in una padella per 10 a 15 minuti, quindi lasciarli raffreddare prima di procedere con la preparazione della pasta.

Quindi in una grande ciotola, mescolare la farina, i semi di sesamo, l’anice e ½ cucchiaino di cannella in polvere, e, infine, ½ cucchiaino di lievito in polvere mescolato con un pizzico di sale. Aggiungere 1 ½ cucchiaio di olio d’oliva, 1 ½ cucchiaio di olio vegetale e 1 cucchiaio di burro fuso. Continuare a mescolare fino a quando tutti gli ingredienti siano ben uniti.
Aggiungere ½ cucchiaino di aceto bianco, l’acqua di fiori d’arancio con lo zafferano, il lievito e 1 tuorlo d’uovo, ½ tazza di acqua tiepida, a poco a poco, mescolando tutti gli ingredienti con la mano.

Formate quattro pagnotte e mettetele a riposo in un sacchetto per circa 15 minuti.

Trascorsi i 15 minuti, infarinate il piano di lavoro, prendete una delle porzioni e stendetela.
Utilizzare un tagliapasta per tagliare la pasta in rettangoli di circa le dimensioni del palmo della mano, come da immagini. La preparazione originaria marocchina è manualmente alquanto complessa.

Per facilitare l’operazione si possono tagliare dei rettangoli e arrotolarli su se stessi.

Coprire i vassoi di pasta con un asciugamano piegato fino al momento di friggere.

Passiamo quindi alla friggitura:

in una grande padella far bollirre l’olio di girasoli a fuoco medio. Allo stesso tempo, portare il miele quasi ad ebollizione in una pentola di grandi dimensioni.

Quando il miele sarà schiumoso (ma non bolle), aggiungete l’acqua di fiori d’arancio al miele e spegnere il fuoco.

Quando l’olio è caldo, cuocere la chebakia in gruppi. Regolare il calore necessario per friggere lentamente ogni gruppo di chebakia fino a raggiungere un colore marrone medio. Generalmente sono necessar circa 10 minuti se l’olio è la giusta temperatura. Attenzione: se l’olio è troppo caldo, il colore della chebakia cambia velocemente, ma l’interno non sarà cotto nel modo giusto.

Una volta cotte utilizzare un mestolo forato e trasferirli dall’olio direttamente al miele caldo.

Una volta immersi nel miele, lasciateli a bagno per circa 7 minuti. Nel frattempo, potete iniziare a friggere un altro gruppo.

Rimuoverli dal miele con uno scolapasta. Delicatamente trasferire i biscotti in un grande piatto o vassoio e cospargeteli con i semi di sesamo.
Qualora il miele si raffreddi è sufficiente riscaldare brevemente a fuoco medio-basso.

Una volta raffreddati gustarli con il caffè o il tè alla menta.

I 10 mercati più belli del mondo

Posted By : Omar Mbirek/ 903 0

Mentre i monumenti raccontano la storia di una destinazione, i musei e le gallerie d’arte raccontano il suo patrimonio, i parchi nazionali e le riserve rappresentano la sua flora e la fauna, qual è il modo migliore per conoscere la cultura di un paese? Per ogni città grande o piccola, c’è un luogo dove le persone si riuniscono per fare acquisti, per fare pettegolezzi, per trascorrere: il mercato locale. Questa settimana abbiamo selezionato nove mercati da tutto il mondo, ognuno con le sue qualità uniche. Il decimo lo scegliete voi…

1. Djemaa el Fna, Marrakech

Nessun soggiorno a Marrakech sarebbe completo senza spendere un paio d’ore girovagando attraverso il famoso mercato di piazza Djemaa el Fna, un modo di dire che probabilmente avete sentito un milione di volte, ma comunque vero. Al mattino non c’è molto da vedere, ma nel primo pomeriggio i fornitori iniziano ad allestire le loro bancarelle , e al tramonto il mercato è in pieno svolgimento. Piazza Djemaa el Fna è più di un mercato: è un’esperienza in sé con incantatori di serpenti, tatuatori di hennè, musicisti e altro ancora. Se state cercando di acquistare la contrattazione è più che benvenuta. Se il prezzo non è come da richiesta e ve ne andate per riprendere la vostra ricerca, sarete sicuri di sentire un colpetto sulla spalla… per concludere l’acquisto.

Djeema el fna Marrakech

2. Chatuchak, Bangkok

Sia che siate a Bangkok per una settimana o un week-end è necessario mettere da parte un paio d’ore per perdersi nel grande mercato di Chatuchak . E quando diciamo un paio d’ore, noi facciamo sul serio! Un’area di più di 500.000 metri quadrati, con più di 8.000 bancarelle questo mercato colorato è tutto ciò che serve per guardare e acquistare merci. Con oltre 200.000 clienti che si aggirano a piedi, il mercato è una fermata obbligatoria per ogni viaggiatore che si reca a Bangkok . La dimensione del mercato di Chatuchak può essere scoraggiante in un primo momento, ma ne vale la pena e ci si può anche divertire provando le vostre capacità di negoziazione e tornare a casa con dei veri affari.

Chatuchak Bangkok

3. Grand Bazaar, Istanbul

Il Grand Bazaar di Istanbul è un altro mercato di proporzioni monumentali, il punto di riferimento di Istanbul si sviluppa su 60 strade con oltre 5000 negozi che vendono di tutto, dai gioielli al tè, dalla ceramica ai tappeti. C’è molto di più al Grand Bazaar rispetto ai negozi; al suo interno si trovano anche moschee, fontane e hammam, oltre a ristoranti e caffè. Il cuore di questo mercato coperto è Cevahir Bedesten dove si trovano le più preziose merci in offerta, tra cui preziosi oggetti d’antiquariato e mobili intarsiati.

Gran Bazar Istanbul

4. Khan el Khalili, Il Cairo

Al centro de Il Cairo si trova il mercato di Khan el Khalili. Non solo è affollato di viaggiatori in cerca di un souvenir del loro viaggio in Egitto, ma è anche un popolare luogo di ritrovo per i locali che siedono nei caffè con una tazza di tè e fumando narghilè. Troverete un po’ di tutto a Khan el Khalili, tuttavia ci sono tre aree specifiche per articolo: i distretti orafi, oggetti in rame e spezie. Girando per i vicoli del Khan el Khalili può essere facile dimenticare che si è in una città araba moderna: aromi esotici, merci polverose e calorosi saluti degli abitanti vi trasporteranno in un tempo diverso.

khan el khalili Il Cairo

5. Izmailovsky, Mosca

Quando ci si avvicina all’ingresso del mercato Izmailovsky di Mosca sembra di entrare in un parco di divertimenti, con edifici colorati stravaganti che ricordano un gioco da tavolo Candy Land. Una volta dentro è una storia diversa, si è accolti da file di bancarelle che vendono di tutto, dai cappelli di pelliccia ai cimeli di epoca sovietica, dalle bambole russe matrioska nidificazione alle uova Fabergé. Nonostante le temperature invernali sotto zero Izmailovksy è aperto tutto l’anno, con i fornitori che inventano modi unici per mantenersi al caldo; i fine settimana sono il momento migliore per visitare il mercato quand è a pieno regime.

Izmailovsky Mosca

6. Mahane Yehuda, Gerusalemme

Conosciuto localmente come il Shuk, Mahane Yehuda Market è un punto di riferimento Gerusalemme e meta dello shopping preferita dai locali che acquistano i beni essenziali di tutti i giorni e dai viaggiatori curiosi per avere un assaggio di sapore locale. E quale posto migliore per fare proprio questo! Mahane Yehuda Market è una destinazione ideale per i buongustai con abbondanza di piatti di cucina locale in offerta. Se amate la vita notturna allora la visita di Mahane Yehuda Market è d’obbligo specialmente il Giovedi o il Venerdì o comunque dopo il tramonto perchè il Shuk è diventato un luogo popolare per i nottambuli con ristoranti affollati e musica dal vivo.

Mahane Yehuda Gerusalemme

7. Johari Bazaar, India

Non c’è carenza di mercati nella Città Rosa di Jaipur, ma quello più particolare è Johari Bazar. E’ questo il luogo dove le famiglie indiane preparano i matrimoni con un’ampia selezione di bellissimi gioielli intarsiati con pietre preziose semi-preziose, splendidi sari di ogni colore immaginabile e molto altro ancora. Soprannominato ‘Il mercato dei gioielleri’ , è sicuramente il luogo dove trovare gioielli artigianali, a prezzi abbastanza ragionevoli, ottimi regali per la famiglia e gli amici. Troverete anche i soliti ninnoli e souvenir. Se avete in programma di visitare quessto bazaar tenete conto che la maggior parte dei negozi chiude la domenica.

Johari Bazaar India

8. Chichicastenango, Guatemala

L’affascinante città di montagna guatemalteca di Chichicastenango, affettuosamente denominata Chichi, può avere solo una piccola popolazione quasi tutti i giorni della settimana , ma il giovedì e la domenica questo numero cresce in modo significativo dal momento che le persone arrivano da regioni circostanti per fare acquisti al suo mercato artigianale. Un tripudio di colori, profumi e luoghi, con i venditori più accoglienti che si possano incontrare. In questo mercato si trovano prodotti tessili dai mille colori e maschere tradizionali indossate dai ballerini del Guatemala. Proprio queste maschere e il legno intagliato hanno fatto sì che Chichi sia una tappa fondamentale del vostro viaggio. Se avete quindi intenzione di fermarvi per una visita assicuratevi di venire la sera prima in modo da poter sfruttare al meglio l’esperienza.

Chichicastenango Guatemala

9. Dong Hua Men Night, Beijing

Non lontano da Wangfujing Dajie, una delle più famose vie dello shopping di Pechino, vi è il famoso mercato notturno di Dong Hua. Mentre di giorno il mercato può in gran parte essere invaso da turisti e non offrire esattamente un’ autentica esperienza locale, di notte grarantisce divertimento. Non solo troverete il solito cibo in offerta, ma vi imbatterete in spiedini di scorpioni, di locuste o cavallo di mare fritto. Dong Hua Men Night Market è un grande divertimento, ma se gli insetti non sono la vostra passione, allora è meglio cercare cibo altrove!

Dong Hua Men Night Market Beijing

10. ?

Quale scegliete al decimo posto? Aspettiamo un vostro commento…

Mercati mondo

Tour Marocco: Essaouira e il festival Gnaoua (Gnawa )

Posted By : Omar Mbirek/ 783 0

“Gnawa” o “Gnaoua” indica un genere musicale che nasce nell’Africa centrale e occidentale (Ghana, Nigeria, Guinea, Senegal), l’Africa nera.
I testi delle canzoni fanno riferimento a tutti i gruppi etnici originari delle zone del fiume Niger.
Le comunità di africani neri iniziano a essere presenti nel Maghreb intorno al 1590, quando il sultano Ahmed el-Mansour conquistò l’impero Songhai e diverse migliaia di uomini e donne furono trasferiti al nord per diventare schiavi.

La tradizione gnawa è stata creata dall’etiope Bilal al Habashi, primo africano convertitosi all’Islam ed il primo muezzin (colui che chiama alla preghiera) del Profeta.
La musica gnawa nasce dallo spirito di fratellanza che univa i gruppi etnici giunti in Marocco, che era l’ultima tappa in Africa prima di essere portati in Europa come schiavi.

La cerimonia gnawa rievoca le sofferenze di chi costretto all’esilio.
Nel corso della storia la tradizione gnawa del Marocco ha sempre più avuto visibilità e importanza e ha creato un legame con altri generi musicali come il reggae, in cui è sempre costante il tema della diaspora del popolo africano. Grandi artisti internazionali del calibro di Robert Plant hanno contribuito alla crescita della popolarità della musica gnawa e a eliminare definitivamente l’etichetta di musica di bassa qualità.

Il festival si svolge ad Essaouira dal 10 al 17 maggio. Di solito si svolge a giugno, ma quest’anno ha inizio il Ramadan.

Riunisce più di 200 artisti internazionali che si incontrano con i maestri di cerimonia gnawa, unendo così la modernità alla tradizione.
E’ un grande teatro di incontri jazz, pop, rock e musica contemporanea da tutto il mondo, avendo così la possibilità di esplorare nuovi percorsi musicali.
Negli anni ’60 ad Essaouira si insediarono molte comunità hippies e negli anni a venire vi soggiornarono artisti come Jimi Hendrix, Rolling Stones, Bob Marley, Cat Stevens, Frank Zappa (ma anche Sting, Orson Wells – qui ha girato alcune scee del film Otello, Leonard Cohen) richiamati dal suo fascino. Ad attirare Hendrix ad Essaouira fu proprio il festival gnawa.

La cornice di Essaouira è magica, un mondo di semplicità e pace.
Essaouira dista da Marrakech circa 2 ore e 30 di viaggio. Fondata dai Fenici, è stata uno dei porti di Roma antica, poi è diventata città portoghese nel corso del XVII secolo.
L’antica città di Mogador, questo era l’antico nome di Essaouira, ha uno splendido porto, principalmente consacrato alla pesca, uno dei luoghi più animati della città. La città vera e propria ha inizio attraverso la porta della Marina e la Sqala del porto. Dai bastioni della Sqala si accede attraverso una scalinata alla parte alta delle mura. Il souk e il mercato, sono un dedalo di viuzze. La spiaggia è splendida e si estende a perdita d’occhio. E’ anche possibile fare un giro in battello, un’ora di percorso per andare da una parte all’altra della baia, passando vicino alle isole della Porpora.
A Essaouira il clima è sempre piacevole, grazie ai freschi venti che spirano dall’Atlantico, talmente costanti da aver trasformato questa piccola cittadina in una meta impedibile per gli amanti di surf e windsurf.

Viaggio in Marocco: curiosità per il turista prima di partire

Posted By : Omar Mbirek/ 753 0

Conosciamo insieme alcune curiosità del Marocco prima di partire alla scoperta di questo magico paese.

La bandiera: è rossa, e ha una stella centrale verde. Il simbolo della stella rappresenta la saggezza, la pace, la salute e la vita; il colore verde è il colore dell’Islam.

Il Sovrano: è il re Mohammed VI, considerato non solo il capo politico del Paese, ma anche il capo religioso ed il capo delle forze armate. E’ il diciottesimo sovrano della dinastia alawide; è salito al trono nel 1999 succedendo a suo padre.

La Moschea Hassan II: è situata a Casablanca, costruita per volontà del sovrano del Hassan II e inaugurata nel 1993, è la moschea più grande del Marocco e per dimensioni la terza moschea al mondo. E’ l’unica moschea del Marocco visitabile dai turisti.

Il tè verde alla menta: per i marocchini il tè alla menta è la bevanda più amata, un po’ come per gli italiani è il caffè ed è un rituale giornaliero

La Mano di Fatima: la Mano di Fatima (conosciuta come “Khamsa”), è un amuleto costituito da una mano colorata con un occhio al centro, accompagnato da pietre colorate, ed è considerato un infallibile anti-malocchio.

L’Olio di Argan: tempi antichi, l’olio di Argan viene prodotto dalle popolazioni berbere, specialmente dalle cooperative femminili. E’ uno splendido prodotto utilizzato sia per la salute e che per l’estetica (nutrimento per capelli e pelle per contrastare i segni dell’invecchiamento). L’olio vie estratto dai frutti dell’albero dell’argania,che cresce nelle zone sud-occidentali del Marocco. Pare che le prime piante siano comparse 80 milioni di anni fa. L’olio di Argan viene utilizzato per le sue proprietà emollienti, idratanti e fortemente elasticizzati; stimola il rinnovo cellulare ed è utilizzato per i massaggi come rilassamento muscolare. La caratteristica principale di questo olio è il suo elevato contenuto di vitamina E, ne contiene il doppio rispetto all’olio d’oliva.

Il Matrimonio: in Marocco è celebrato secondo una cerimonia tradizionale molto antica. Il tutto inizia il giorno prima della cerimonia nuziale, con un bagno purificatore della sposa, fatto in compagnia di altre donne a lei vicine come parenti o amiche. Durante il rituale del bagno viene usato del profumo d’incenso e si accendono delle candele che, secondo la tradizione, illuminano il cammino della felicità. In seguito, una donna ha il compito di decorare le mani, le braccia e i piedi della sposa con l’henné, perchè si protegge così il matrimonio dagli spiriti maligni e dal malocchio. Il giorno del matrimonio si svolge la “berza”, una grande cerimonia di presentazione della sposa. Vestita da un “tachcita” tradizionale che si può cambiare fino a 10 volte a seconda la posizione sociale della sposa, ella è seduta in modo da essere vista ed ammirata da tutti gli invitati. In Marocco, più che ovunque, il matrimonio è percepito, sia sul piano sociale che su quello religioso, come un atto di una grande importanza. La famiglia dello sposo, in una processione musicale ricca di colori, porta alla sposa alcuni oggetti offerti dal suo coniuge. È la cerimonia della “hdia”, momento forte della celebrazione dell’unione.

Viaggio in Marocco: tour e il grande jazz a Casablanca

Posted By : Omar Mbirek/ 4514 0

Dall’ 11 al 24 Aprile si svolgerà a Casablanca l’undicesima edizione di “Jazzablanca”, evento dedicato al Jazz. L’evento sarà l’occasione per scoprire nuovi talenti e laboratori musicali per i più giovani. Questa sarà l’edizione più lunga della sua storia, perchè coprirà 9 giorni anzichè 6.
E’ un evento eccezionale che ha ormai un posto di rilievo sia nel panorama culturale in Marocco, ma anche nel cuore degli amanti della musica, grazie alla selezione di artisti di vero talento.

Aprirà la kermesse la cantante soul Macy Gray, con il suo ultimo successo “I try”. Seguirà il bassista del Camerun Richard Bona, riconosciuto a livello mondiale tanto da salire in cattedra alla New York University.

Presente alla manifestazione il vincitore di due Grammy, due Golden Globe e più di 10 milioni di dischi venduti nel mondo il jazzista Jamie Collum, l’artista jazz che ha venduto di più nella storia.

Per chi ama la musica jazz proponiamo la combinazione festival e mini tour da Casablanca di 4 giorni:

Giorno 1: Arrivo a Casablanca/Rabat
Si visita la moschea di Hassan II e subito dopo si parte per Rabat. La visita della capitale inizierà scoprendone le mura merlate color rosso ocra, lunghe in tutto più di 5 Km e costruite per volontà del sultano Yacoub el-Mansour, che danno alla città un carattere tutto speciale che la distingue. Si attraverserà la medina e il suo suk, più autentica di altre perchè i prodotti dei negozi sono rivolti alla clientela locale e quindi meno turistici. Si passerà poi alla visita della kasbah degli Oudaia, una terribile tribù di predatori che la eresse nel XII secolo. Si visiteranno poi la torre di Hassan II, dove le 4 facciate sono decorate diversamente l’una dall’altra, tre nei toni del rosa ed una in quelli del grigio per effetto della brezza marina, i resti della vecchia moschea ed il mausoleo di Mohammed V, sempre accanto alla torre, capolavoro dell’arte tradizionale marocchina, ricca di materiali pregiati provenienti da tutto il mondo e splendide decorazioni. Da qui si tornerà alla città nuova per vedere il palazzo reale, residenza ufficiale del re Mohamed VI e l’adiacente necropoli di Chellah, costruita nel 1339 per ospitare le tombe della dinastia merinide, potremo così passeggiare in un luogo verde, bucolico, romantico e allo stesso tempo denso di storia. A Rabat si cena e si pernotta in riad.

Giorno 2: Meknes/Volubilis/Fes
Dopo la colazione, ci si trasferisce a Meknes, dove ci aspetta la visita guidata della più piccola delle città imperiali. Si varca Bab Mansour, la più importante e notevole tra le porte di Meknes e ci si addentra nelle strade della cittadina fino al Mausoleo di Moulay Ismail, dove è necessario un abbigliamento adeguato. Da qui si procede fino ai granai Hri Moulay Ismail; questo deposito per il grano è il monumento più importante della città imperiale, costruito con muri di argilla battuta mescolata con sassi e paglia (pisé). Si entrerà poi nel cuore della medina attraversando la piazza El-Hedim visitandone il mercato e i souk. Da Meknes con un’ora di strada si raggiunge Fes, ma lungo il percorso si visita il sito archeologico di Volubilis, antica capitale romana di questa parte dell’impero. Si arriva a Fes in serata, si cena e si pernotta in riad.

Giorno 3: La visita di Fes
Giornata dedicata alla scoperta di Fes. Si può iniziare la visita della città vecchia di Fes (Fes el-Bali) e della sua medina, la più grande e famosa di tutto il mondo arabo, entrando dalla Bab Boujloud, la porta più importante e dirigendosi verso Dar Batha, una costruzione ispanico – moresca che ospita un bel museo dell’arte popolare. Si prosegue poi con la visita della madrasa Bou Inania, la scuola coranica di Fes, dove i giovani studiavano il corano tra camere, oratorio e un magnifico patio. La visita continua poi attraverso la conceria Chouara, alla scoperta dell’affascinante sistema di lavorazione del cuoio. Si passa poi per la moschea di Qaraouiyine, fondata nel IX secolo da una donna. La visita della città termina passando per la piazza Seffarine, dove ottonai e calderai popolano piazza e vie adiacenti. Si lascia la medina da Bab Semmarine. Cena e pernottamento in riad.

Giorno 4: Aeroporto di Casablanca
In base all’orario del volo, trasferimento all’aeroporto di Casablanca. Assistenza durante le formalità d’imbarco. Fine del nostro servizio.

Festival dei Nomadi del deserto del Marocco

Posted By : Omar Mbirek/ 622 0

Dal 18 al 20 Marzo un tour nel deserto del Marocco per conoscere e vivere il nomadismo berbero, non solo come cultura ma anche come valore d’impresa: laboratori di artigianato, musica, danze, produttori locali organizzati in cooperative per lavorare e vendere formaggi, miele, cous cous, erbe aromatiche, le cooperative di donne berbere che propongono olio di argan o tappeti lavorati a mano.

Si raggiungono le Dune di Erg Chegaga e accompagnati da guide professionali, ci si avvicina al deserto, scontrandosi con la maestosità delle dune di sabbia, ma scoprendone le infinite risorse.

Incredibile è il sentirsi rinascere dopo aver attraversato chilometri di sabbia, passare attraverso la frescura di improvvise oasi dove, grazie all’esistenza di acqua, crescono palme da dattero, ulivi.

Dal deserto, alle oasi fino alle distese dei fiori di zafferano alle pendici dell’Atlante, la valle delle rose e il profumo del cumino, che insaporisce il tajine e il cous cous, specialità cucinate nella loro tradizione berbera a M’hamid Ej Ghizlane.

Tour in Marocco … alla BiT 2016 di Milano

Posted By : Omar Mbirek/ 714 0

Anche quest’anno saremo alla BiT, la Borsa Internazionale del Turismo, grande manifestazione di respiro internazionale che raccoglie intorno a sé gli operatori turistici di tutto il mondo, un numeroso pubblico di visitatori, appassionati di viaggi, televisioni e stampa.

Potrete incontrarci presso lo stand del Marocco (Nomade Experiences Travel www.nomadexperience.it)

L’appuntamento con Bit2016 sarà da giovedì 11 a sabato 13 febbraio 2016 nel quartiere espositivo di Rho Fiera Milano.

Impianto solare da record a Ouarzazate nel deserto del Marocco

Posted By : Omar Mbirek/ 1116 0

Re Mohammed VI del Marocco ha inaugurato uno dei più grandi impianti solari (Noor 1)per la produzione di energia elettrica a Ouarzazate, nel deserto.

500.000 specchi dislocati su una superficie di 24 kmq in grado di produrre 160 megawatt di energia sufficienti a soddisfare le esigenze di 650.000 persone.

La centrale solare termica è in grado di produrre corrente anche durante la notte.

L’impianto sarà terminato nel 2018 e sarà la centrale solare più grande al mondo e fornirà corrente a più di 1 milione di abitazioni.