29

Giu
2015

Viaggio in Marocco: la cucina

Posted By : Maggy/ 51 0

Punto di partenza obbligato per il nostro viaggio in Marocco: il marocchino, inteso come caffè espresso macchiato. In Marocco non esiste, è solo un’invenzione di noi italiani …

La cucina marocchina è nobile e antica, con importanti tradizioni di terra e di mare. Il resto lo fa la ricchezza della cultura. I cuochi hanno un profondo senso estetico, una cura per i dettagli e per il servizio. E’ un trionfo di coriandolo e cumino, zafferano e maggiorana, che si alternano o mischiano con olio d’oliva (lo stesso che sovente comperiamo in Italia, senza saperlo però), menta, rose e sandalo.

Si mangia seduti per terra, i piatti appoggiati sui tappeti o bassi tavoli, si usano le mani per portarsi alla bocca le striscioline di kebab di manzo o le pallottole di cous cous – secondo l’uso di Marrakech – con agnello e pollo.

Il tajine è un mix di carne (in genere di agnello, trita o spezzatino) con frutta (i datteri!) e lo zafferano.

Il baccalà è arricchito con la menta e il miele imperversa nei dolci.

Nei locali marocchini non si beve vino (così si dice), quindi regolatevi.

In Italia il Marocco è sinonimo di cous cous, ma c’è di più, naturalmente.

Da non perdere il mechoui, spalla di agnello arrosto, world food con un’anima francese e un’altra marocchina, con tanto di caponata maghrebina.

Scrivici per disegnare il viaggio che desideri

nomadexperienceit@gmail.com

Leave your comment

Please enter comment.
Please enter your name.
Please enter your email address.
Please enter a valid email address.